Eugenio Lucrezi recensisce Catullo vestito di nuovo